Blog

'Le Mele di Adamo' di Anders Thomas Jensen, Danimarca, 2005

Postato il 26/08/2006
Blog >>

Adam è un giovane neonazista che, appena uscito di prigione, deve passare un periodo di 'redenzione' in una piccola parrocchia di campagna.
Qui gli viene chiesto di trovare un obiettivo e lui ironicamente dice di voler fare una torta di mele con i frutti dell'albero in giardino.
Obiettivo approvato!
E da qui il nostro protagonista si renderà conto di essere capitato in una parrocchia un pò 'singolare', dove nulla è quel che sembra e spesso quel che sembra...è tutt'altro!

Adam è di poche parole ed è, anzi, vuole essere cattivo.
Il sacerdote è sicuro della sua opera di redenzione.
Attorno a loro ruotano una serie di personaggi assurdi e surreali: un grasso e cleptomane ex campione di tennis, un immigrato terrorista e rapinatore, una 40enne incinta un pò isterica e un medico sadico con la faccia da bombolone.

Sembra che il bene e il male si affrontino e molto probabilmente è così, ma il fatto è che non si capisce granchè bene se siano due fazioni separate, coesistano ambiguamente in ogni singolo personaggio, o si divertano a creare il caos.

Il film è una commedia noir grottesca, mai banale, ricca di situazioni allucinanti direi, dove Satana (...o forse Dio) mette alla prova i protagonisti e soprattutto il prete al pari del Giobbe biblico.
Tra diluvi improvvisi, eventi miracolosi, corvi e vermi che attentano all'albero di mele, gente dal grilletto facile che sembra uscita da un film di Tarantino, il nostro neonazista non è poi la pecora nera del gruppo.
Un film che regala un'ironia irriverente ed intelligente, con una storia originale e ben sviluppata.

Allora...buona visione!
L'Adam del film è interpretato da un bravissimo Ulrich Thomsen, protagonista anche di 'Festen', 'L'eredità' e 'Non desiderare la donna d'altri'.

Il regista, Anders Thomas Jensen (1972), formatosi alla scuola di Lars Von Trier, è anche noto come sceneggiatore. L'ultima scrittura è stata 'Non desiderare la donna d'altri', per la regia di Susanne Beir.

Ultima modifica: il 16/02/2007 alle 15:23

Indietro